You can do it from your Bed

Archivio per 13 agosto 2010

Greatest Hits

Perchè solo su Youtube bisogna lanciare concorsi e fare video tutti sulla stessa tematica?
No, noi amanti dei Blog più che dei Vlog ci opponiamo. E così ho deciso di fare un post ispirandomi liberamente ad un post del Blog Lime’s Anthology.

Fateci un salto.
E se volete, cimentatevi anche voi.

Lui fa una Top10 delle sue canzoni preferite attualmente, una cosa che io non riesco a fare, perchè di solito vado in fissa più su un gruppo che su una compilation. Finirei per scrivere 10 canzoni degli Arcade Fire in questo periodo.

Cercherò dunque di fare un elenco delle 10 canzoni più importanti per me. Canzoni che in qualche modo mi hanno segnato o che hanno caratterizzato dei momenti particolari della mia vita. Ah, e non ci metterò nessuna canzone degli Arcade Fire per rendere il tutto più eccitante.

Non sono le mie 10 preferite, nè attuali, nè future, nè passate. Sono canzoni che amo e credo possa bastare. Le posizioni contano relativamente. La distanza tra la ventesima e la prima è minima. Immaginate tra la decima e la prima.

10. Man on the Silver Mountain – Rainbow
Perchè ha cambiato totalmente il mio modo di intendere la musica, facendomi scoprire che esiste un Mondo, un Universo oltre quello che passa alla Radio o su MTV. Se è scattata la scintilla lo devo in gran parte a Ronnie James Dio (da poco passato a miglior vita) e Ritchie Blackmore. E a Ozzy Osbourne. Diciamo che all’undicesimo posto c’è una canzone dei Black Sabbath di Ozzy. Scegliete voi quale.

9. Carrot Rope – Pavement
Di solito le canzoni che ascolto mi mettono malinconia, questa è una delle poche che riesce a farmi sorridere. Non so esattamente il motivo, ma mi piacerebbe poterlo spiegare.

8. The boy with the Arab Strap – Belle & Sebastian
Se in una canzone c’è un verso che recita “Color my life with the chaos of trouble”, allora non devo neppure stare a spiegare perchè si trova in una Top10. Semplicemente perfetto. La perfezione in otto parole.

7. Superstar – Sonic Youth
E’ una Cover in realtà, ma preferisco molto di più la loro versione a quella originale. Il più delle volte ascolto le canzoni con attenzione, ma quando parte questa semplicemente chiudo gli occhi. A volte neppure mi accorgo che sia finita.

6. Black – Pearl Jam
Ok, prima parlavo della perfezione in otto parole.
“I know someday you’ll have a beautiful life,
I know you’ll be a sun in somebody else’s sky, but why
Why, why can’t it be, why can’t it be mine

Struggente, la più struggente ammissione dell’evento più struggente che possa capitare durante il corso dell’esistenza: la fine di un amore.

5. If I ever feel better – Phoenix
In realtà amo tantissime canzoni di questa Band, ma questa è quella che ho canticchiato per tutta la vacanza in Scozia. Già il primo verso da solo merita l’ascolto.

4. Where is my mind – Pixies
Medaglia di cartone per una canzone meravigliosa di un gruppo altrettanto meraviglioso. Mi vergogno quasi a piazzarla fuori dal podio. Per una persona che è in totale confusione la maggior parte del tempo -come me- è un Must. Il problema è che alla domanda del titolo non da nessuna risposta. Ed è fantastica per questo.

3. There is a light that never goes out – The Smiths
C’è perfino un capitolo di Trainspotting che si intitola come la canzone. Solo per questo motivo già era nella Top10. Le altre 7 posizioni le hanno scalate Morrissey e la sua Band.

2. To the End – Blur
Un’altra canzone che non riesco a spiegare. E’ più forte di me, non ci riesco a dire perchè è al secondo posto. Forse per l’espressione “…collapsed in love”. La più grande grandezza -scusate il gioco di parole- dei Blur sta proprio nella capacità di accostare le parole.

1. Paranoid Android – Radiohead
Un CAPOLAVORO che ha cambiato forse ancor più che la canzone al #10 il mio modo di vedere -e non solo ascoltare- la musica. Chissà che tra qualche anno questa non sia in decima posizione e in prima non ce ne sia un’altra che mi ha spinto ancora un pò più in là in questo Mondo.

Curioso che le 3 Band più importanti della Storia siano -secondo me- Beatles, Velvet Underground e Joy Division e non abbia citato neppure una loro canzone.
L’avrò fatto apposta?

Renderò loro il giusto tributo con un Tag.

Annunci